.
Annunci online

Dispossessed cotton farmers, the "Okies," stuffed their possessions into dilapidated Model Ts and migrated to California in the false hope that the posters about plentiful jobs were true.
le 15 piccole cose di Michael Moore
post pubblicato in diario, il 25 ottobre 2009



Michael Moore's Action Plan: 15 Things Every American Can Do Right Now


My comment summary: a major, TOO BIG mistake is perhaps only at point 5 (group 1), where Michael reproduces his totally wrong Dec. doc (that was widely discussed, and in many points criticized in economic blogs): in between
a) mass transit (worsening pollution) as a shamanic Detroit anchorage, and
b) authoritarian, "decisionist", top-down - therefore inefficient industrial policies (we deeply need the latter after 20 years of neglect, but they must outperform markets, be VERY clever!). Basically, it's the civil society that substitutes some other action or plan for the market, in case of market failure: neither the State, nor a Green Golpe commando (particularly not one so ill advised to worsen the already precarious environmental disequilibria ...).
Here's the Action Plan:

By Michael Moore, MichaelMoore.com. Posted October 22, 2009.
5 things to demand Obama and Congress to do immediately, 5 things the politicians must hear from us, 5 things we should do to protect ourselves and family.
http://www.alternet.org/story/143444/michael_moore's_action_plan:_15_things_every_american_can_do_right_now
(there R a number of quite useful links in the original txt)

Friends,
It's the #1 question I'm constantly asked after people see my movie: "OK -- so now what can I do?!"
You want something to do? Well, you've come to the right place! 'Cause I got 15 things you and I can do right now to fight back and try to fix this very broken system. Here they are:

FIVE THINGS WE DEMAND THE PRESIDENT AND CONGRESS DO IMMEDIATELY:
1. declare a moratorium on all home evictions. Not one more family should be thrown out of their home. The banks must adjust their monthly mortgage payments to be in line with what people's homes are now truly worth -- and what they can afford. Also, it must be stated by law: If you lose your job, you cannot be tossed out of your home.
2. Congress must join the civilized world and expand Medicare For All Americans. A single, nonprofit source must run a universal health care system that covers everyone. Medical bills are now the #1 cause of bankruptcies and evictions in this country. Medicare For All will end this misery. The bill to make this happen is called H.R. 3200 (but only with Rep. Anthony Weiner's amendment). You must call AND write your members of Congress and demand its passage, no compromises allowed.
3. Demand publicly-funded elections and a prohibition on elected officials leaving office and becoming lobbyists. Yes, those very members of Congress who solicit and receive millions of dollars from wealthy interests must vote to remove ALL money from our electoral and legislative process. Tell your members of Congress they must support campaign finance bill H.R.1826.
4. Each of the 50 states must create a state-owned public bank like they have in North Dakota. Then congress MUST reinstate all the strict pre-Reagan regulations on all commercial banks, investment firms, insurance companies -- and all the other industries that have been savaged by deregulation: Airlines, the food industry, pharmaceutical companies -- you name it. If a company's primary motive to exist is to make a profit, then it needs a set of stringent rules to live by -- and the first rule is "Do no harm." The second rule: The question must always be asked -- "Is this for the common good?" (Click here for some info about the state-owned Bank of North Dakota.)
5. Save this fragile planet and declare that all the energy resources above and beneath the ground are owned collectively by all of us. Just like they do it in Sarah Palin's socialist Alaska. We only have a few decades of oil left. The public must be the owners and landlords of the natural resources and energy that exists within our borders or we will descend further into corporate anarchy. And when it comes to burning fossil fuels to transport ourselves, we must cease using the internal combustion engine and instruct our auto/transportation companies to rehire our skilled workforce and build mass transit (clean buses, light rail, subways, bullet trains, etc.) and new cars that don't contribute to climate change. (For more on this, here's a proposal I wrote in December.) Demand that General Motors' de facto chairman, Barack Obama, issue a JFK man-on-the-moon-style challenge to turn our country into a nation of trains and buses and subways. For Pete's sake, people, we were the ones who invented (or perfected) these damn things in the first place!!

FIVE THINGS WE CAN DO TO MAKE CONGRESS AND THE PRESIDENT LISTEN TO US:
1. Each of us must get into the daily habit of taking 5 minutes to make four brief calls: One to the President (202-456-1414), one to your Congressperson (202-224-3121) and one to each of your two Senators (202-224-3121). To find out who represents you, click here. Take just one minute on each of these calls to let them know how you expect them to vote on a particular issue. Let them know you will have no hesitation voting for a primary opponent -- or even a candidate from another party -- if they don't do our bidding. Trust me, they will listen. If you have another five minutes, click here to send them each an email. And if you really want to drop an anvil on them, send them a snail mail letter!
2. Take over your local Democratic Party. Remember how much fun you had with all those friends and neighbors working together to get Barack Obama elected? YOU DID THE IMPOSSIBLE. It's time to re-up! Get everyone back together and go to the monthly meeting of your town or county Democratic Party -- and become the majority that runs it! There will not be many in attendance and they will either be happy or in shock that you and the Obama Revolution have entered the room looking like you mean business. President Obama's agenda will never happen without mass grass roots action -- and he won't feel encouraged to do the right thing if no one has his back, whether it's to stand with him, or push him in the right direction. When you all become the local Democratic Party, send me a photo of the group and I'll post it on my website.
3. Recruit someone to run for office who can win in your local elections next year -- or, better yet, consider running for office yourself! You don't have to settle for the incumbent who always expects to win. You can be our next representative! Don't believe it can happen? Check out these examples of regular citizens who got elected: State Senator Deb Simpson, California State Assemblyman Isadore Hall, Tempe, Arizona City Councilman Corey Woods, Wisconsin State Assemblyman Chris Danou, and Washington State Representative Larry Seaquist. The list goes on and on -- and you should be on it!
4. Show up. Picket the local branch of a big bank that took the bailout money. Hold vigils and marches. Consider civil disobedience. Those town hall meetings are open to you, too (and there's more of us than there are of them!). Make some noise, have some fun, get on the local news. Place "Capitalism Did This" signs on empty foreclosed homes, closed down businesses, crumbling schools and infrastructure. (You can download them from my website.)
5. Start your own media. You. Just you (or you and a couple friends). The mainstream media is owned by corporate America and, with few exceptions, it will never tell the whole truth -- so you have to do it! Start a blog! Start a website of real local news (here's an example: The Michigan Messenger). Tweet your friends and use Facebook to let them know what they need to do politically. The daily papers are dying. If you don't fill that void, who will?

FIVE THINGS WE SHOULD DO TO PROTECT OURSELVES AND OUR LOVED ONES UNTIL WE GET THROUGH THIS MESS:
1. Take your money out of your bank if it took bailout money and place it in a locally-owned bank or, preferably, a credit union.
2. Get rid of all your credit cards but one -- the kind where you have to pay up at the end of the month or you lose your card.
3. Do not invest in the stock market. If you have any extra cash, put it away in a savings account or, if you can, pay down on your mortgage so you can own your home as soon as possible. You can also buy very safe government savings bonds or T-bills. Or just buy your mother some flowers.
4. . Unionize your workplace so that you and your coworkers have a say in how your business is run. Here's how to do it (more info here). Nothing is more American than democracy, and democracy shouldn't be checked at the door when you enter your workplace. Another way to Americanize your workplace is to turn your business into a worker-owned cooperative. You are not a wage slave. You are a free person, and you giving up eight hours of your life every day to someone else is to be properly compensated and respected.
5. Take care of yourself and your family. Sorry to go all Oprah on you, but she's right: Find a place of peace in your life and make the choice to be around people who are not full of negativity and cynicism. Look for those who nurture and love. Turn off the TV and the Blackberry and go for a 30-minute walk every day. Eat fruits and vegetables and cut down on anything that has sugar, high fructose corn syrup, white flour or too much sodium (salt) in it (and, as Michael Pollan says, "Eat (real) food, not too much, mostly plants"). Get seven hours of sleep each night and take the time to read a book a month. I know this sounds like I've turned into your grandma, but, dammit, take a good hard look at Granny -- she's fit, she's rested and she knows the names of both of her U.S. Senators without having to Google them. We might do well to listen to her. If we don't put our own "oxygen mask" on first (as they say on the airplane), we will be of no use to the rest of the nation in enacting any of this action plan!

I'm sure there are many other ideas you can come up with on how we can build this movement. Get creative. Think outside the politics-as-usual box. BE SUBVERSIVE! Think of that local action no one else has tried. Behave as if your life depended on it. Be bold! Try doing something with reckless abandon. It may just liberate you and your community and your nation.
And when you act, send me your stories, your photos and your video -- and be sure to post your ideas in the comments beneath this letter on my site so they can be shared with millions.
C'mon people -- we can do this! I expect nothing less of all of you, my true and trusted fellow travelers!
Yours,?Michael Moore?
MMFlint@aol.com?
MichaelMoore.com

Dalla crisi QUALE TRANSIZIONE? EPOCALE? E' POSSIBILE: specie un'accelerazione del "passaggio ad Est"
post pubblicato in diario, il 24 ottobre 2009


Emergono 2 poli opposti, 2 soggettività forti nella crisi e nella nuova Storia che vi si forgia:

 a) un'India ultimo paese democratico  - senza sottovalutare lo Tsunami Obama, che tiene botta ma che - non essendo afro-americano che per elezione, ricercando il padre  Barry Sr. e l'identità para-razziale a South Chicago, appartiene assai più legittimamente al Vecchio e solito Centro  di gravitazione mondiale: l'Oceano Indiano e dintorni. Lake Victoria, Djakarta e Honolulu.

 b) E l'orrore di una Cina che fa peggio dei sogni di Hitler e Stalin messi assieme: IL PAESE DEL LAVORO NEO-SERVILE generalizzato a tutta la Forza Lavoro! Senza parlare, tanto non contano quasi nulla, e valgono ancor meno (una negatività pericolosa certo, ma  risibile) dei nazi-islamisti arabi e non (quasi tutto l'islam integrista, meno dei vagiti laici ancora impercepibili - altro che ora di religione! Andatelo a dire alla ragazza di Pordenone uccisa dal babbo comunitario, pio e fedele. Non potrà più udirvi).


PREMESSA

ll prof. Arcangeli, al quale mi lega un lungo sodalizio di ricerca, mi ha pregato di collaborare al blog sulla CRISI SOCIALE - che lui aveva dovuto abbandonare negli ultimi mesi, per impegni altrove - sia sul Net che nella vita reale. Ho accettato con piacere ed entusiasmo, ed eccomi a scrivervi - infatti - di ritorno da una spiaggia calabra... la cui memoria  è purtroppo ormai sbiadita.
Cannoflor

Aperitivo di AUTUNNO, per la ripresa del Grido di dolore "grapes of wrath"!

1 tema che tratteremo presto:

Della Crisi. BRIICS, CHINA, INDIA e Wallerstein sui Populismi Protezionisti


Con le mie competenze, che sono diverse ed abbastanza complementari al mio co-Autore, cercherò di aprire qui, attraverso le analisi ed i post specifci, un FILO ROSSO di  riflessione di fondo (anche culturale e sui valori, politica e storica) su "in mezzo a che guado siamo", oltre al --- guano! della crisi globale di TUTTI i capitalismi, NESSUNO ESCLUSO come si sa: 
- quelli più o meno resilienti, 
- questi in deriva "POST" e pseudo-democratica (si ricordi l'ultimo Tronti sul collasso mimetico in un'unica classe media, e le sue conseguenze sui Sistemi Politici),
- o quelli ancora, e forse per sempre nel nostro orizzonte, iper-totalitari.

Tra i paesi a capitalismo più resiliente, si profila già il confronto del futuro, che sarà al centro delle nuove dinamiche geopolitiche in questo secolo: messi OGGI da parte Brasile, Iran (la cui attualità così viva, con una resistenza eroica, mette in ombra gli scenari di lungo termine), Russia e SudAfrica, che esamineremo in futuro (in effetti, più che di 4 BRIC, per le nuove potenze si dovrebbe dire 6 BRIICS):
a) l'India è ancora, e per molto tempo, assai meno avanzata (rispetto ai Vecchi Paesi OECD) verso un collasso mimetico  "di Girard-Tronti", quindi ha ancora una democraza viva. La si è vista all'opera nelle lunghe elezioni di primavera, pur con le loro demagogie, goffaggini e mistificazioni. E la vittoria dei post-Ghandiani del Congreso, essenzialmente per ritirata del voto dai partiti regionali-locali, che però loro hanno saputo catturare. Oltre ad un fenomeno generazionale da analizzare.
b) Sulla Cina politica c'è SEMPRE ben poco da dire di nuovo e di sostanziale. Il colosso non si smuove di un mm, non ha proprio nessuna macro-dinamica interna significativa: nemmeno se sottoposto a tutti gli stress della chiusura radicale dei mercati dell'export per i suoi prodotti del LAVORO SERVILE
La forma specifica di neo-para-schiavismo con cui funziona  oggi, dopo  la Riforma Denghiana in Cina,  il comando sul Lavoro Vivo, non senza continuità Imperiali e che per questo indico in breve "L neo-servile", non potendolo identificare tout court (se non negli orrendi Inferni dei LAOGAI raccontati dall'amato eroe libertario Harry Wu) a specifico "L schiavo".
Quindi democrazia biopolitia non ancra vicina all'entropia middle-classista VERSUS una mostruosa edizione del TOTALITARISMO ASSOLUTO, che apprende da - e supera nel loro genere i prototipi del XX secolo, fascismi e comunismi.

Lo specifico della GESTIONE POLITCA di questa crisi è stato raccontato cosi bene dallo storico neo-Marxista (odiato dai vestali dell'ortodossia, eheh) Immanuel Wallerstein, che gli cederemo spesso e volentieri la parola, quando capiterà. Si vedano, per il contesto, anche i materiali del corso del prof. Arcangeli pubblicati qui "a fianco" (e periodicamente aggiornati, ancge dopo che il corso tace) sul blog fratello IndustrialeInternazionale (la Settima Internazionale?), sempre su Il cannocchiale.



E bravo Gheddafi! Ti gà rason
post pubblicato in diario, il 12 giugno 2009


ITAIAN ABSTRACT Qaddafi ha detto ieri a Roma 1) Che differenza c'è tra Bin Laden, e Reagan che mi ha bombardato la tenda nel 1986? 2) In Italia dovreste abolire i partiti. Tutto un stracciarvesti e distinguo. Nessuno che dica la verità: 1) L'Italia ha un conto assai più lungo da presentare al Terrorismo USA firmato CIA: da Piazza Fontana via Moro ad oggi. 2) Un conto è abolire i Partiti-monopolio per dispiegare la democrazia, un conto per sopprimerla. Nel secondo caso, caro a Qaddafi, fascismo grande mangia fascismo piccolo, e la Libia tornerebbe ad essere una nostra colonia, stavolta con gran beneficio dell'economia nazionale.
continua
Programma anti-crisi Arcangeli-Brunetta?
post pubblicato in diario, il 10 giugno 2009


1 mega stimolo fiscale del 4% del PIL in finanziaria 2010, ma da anticipare già ora: finanziato con un taglio drastico delle spese inutili o dannose (via le Province, difese dalla Lega); 2 ri-penalizzazione di elusione ed evasione: effetto annuncio che porterebbe ad un surplus di bilancio nel 2010 (non sprecare tale tesoretto come fecero i prodi Padoa Schioppa e Sartor); 3 abolire CIG: reddito sociale garantito di €500 e fermare l'immigrazione con lo sviluppo. 4 ripartono le politiche industriali e dell'innovazione. 5 Complementari riforme concorrenziali e di struttura.
continua
Trib. Politica farebbe trionfare il PD, e non so se sarebbe 1 bene
post pubblicato in diario, il 1 giugno 2009


ARRIDATECE  ATTRIBU'   POLITICA, ahòò!!!


Franceschini batterebbe  Cav. Priapus 40 o 45% a 2-3%. Se vi  par poco ...

On Monday 1st June 2009, @nonnoenzo said: 

#votapulito
Franceschini piglierebbe come la DC il 40%, il Cav. come il PLI 2% con le norme della I Repubblica: torniamoci SUBITO! Franceschini staaffà (testé finito) un numero di PRIMA grandezza a non so che "Tribuna Elettorale" su rai3. Solo che parlava-urlava sopra le righe, 1 errore di enfasi da neofita; ma - per il resto - non ha fatto 1 SOLO errore rilevante, ha persino bacchettato gl'imbecilli testedicazzo rottinkulo de La Reubblica (eterni sostituti non richiesti alla politica). . che vanno dietro alla noemi senza rendersi conto (i mentecatti e stronzi, grandissimi figli di puttana) che tipo di precedenti creano, che mo' non posso più avere la morosa che mi pare perchè ho compiuto 60 anni (e che ho perduto i diritti civili?), VAFFA REPUBBLLICA: se la voglio di 13 anni e lei è d'accordo, sarà la mia morosa, pezzi di merda! E se di 79, idem. E posso scendere in politica sia che sono gay o no, che le morosei c'abbiano la META' O il doppio della mia età, PEZZIDIMERDA Repubblichini della repubblica (la foglia di fico di "ha mentito" velaficcate supperilculo perché l'ho già sentita x Clinton). Ma veniamo al punto: col regime vecchio (ossia: IL MIGLIORE) delle Tribune Elettorali e niente padroni di TV in politica, Fraceschini piglierebbe come la DC il 40%, il Cav. come il PLI 2%. Si ritorni alla meritocrazia in Politica come nelle carriere, ed ovunque. SUBITO i si
Dr Doom: troppi debiti, ripresa lenta
post pubblicato in diario, il 26 maggio 2009


Oggi "Dr Doom" va in 1.a pagina de Il Sole 24 ore: previsioni preziose e ricercate, le sue
http://www.ilsole24ore.com/art/SoleOnLine4/dossier/Economia%20e%20Lavoro/2009/lezioni-per-il-futuro/26-maggio/tripla-A-america.shtml?uuid=06934b96-49bf-11de-aa10-fe8364366720&DocRulesView=Libero
 «A questo punto, è il caso di bere qualcosa di forte», disse chi presiedeva una sessione dei lavori - la sala non era stracolma - a un incontro del Fondo monetario, a Washington, il 7 settembre 2006. Nouriel Roubini aveva appena detto, tra l'incredulità e qualche sorriso, che il mercato immobiliare americano sarebbe crollato e che l'effetto impoverimento avrebbe fatto sparire il grande consumatore americano, tolto credibilità a centinaia di miliardi di titoli immobiliari cartolarizzati sparsi per il mondo, e portato a una grande recessione globale. Esattamente quanto è successo.

Roubini non era molto in alto allora nella gerarchia accademica ma, uomo di punta di una piccola pattuglia che ha visto sostanzialmente giusto e per tempo, adesso vola da un continente all'altro, richiestissimo da convegni blasonati, grandi gruppi, banche centrali e governi. Ha parlato al Congresso, al Council on Foreign Relations, a Davos, e in dozzine di club ancora più esclusivi in giro per il mondo. Di famiglia ebrea iraniana, cresciuto in Turchia e in Italia, allievo di Jeffrey Sachs ad Harvard, scapolo, cinquantenne da due mesi, Roubini è un cittadino del mondo e un inveterato giramondo, che ama parlare di un paese dopo averlo visto. Per la rivista «American prospect» è il numero due tra i 100 intellettuali che più contano, secondo solo al generale David Petraeus. Il suo sito e la sua società di consulenza, Rge Monitor, sono richiestissimi.

Siamo o no alla vigilia di una ripresa consistente, e possiamo dire che la crisi è finita?
Io penso che l'uscita dalla crisi sia un processo lento. Adesso abbiamo gli ottimisti secondo i quali siamo già in ripresa, comunque ci saremmo fra pochissimi mesi. E i meno ottimisti, fra i quali mi pongo, che non negano qualche fenomeno positivo, il rallentamento della caduta, ma sono convinti che il peso del debito è così alto che avremo circa due anni di crescita molto debole. Quindi, il meltdown è stato arrestato, ma la ripresa, quella vera, è ancora piuttosto lontana. Prevedo quindi due anni pieni di crescita debole.
Lettera a Ruggy, VARDA STO GRAFIKETO.
post pubblicato in diario, il 18 aprile 2009


Alla fine della partita, gli attivi Occidentali sono ANCORA SOPRAVVALUTATI DEL 100% circa: ordine di grandezza. STIMA A SPANNE (MA NON A CASO) del valore oggi degli ATTIVI (Human o Intellectual Capital; Imprese quotate; Immobili, terreni e macchine; Intangibili quali la brand equity - customers' trust - e la organizational knowledge, ecc.; nuovi attivi anch'essi trust-based che sono emergenti nelle CRM best practices del mare magnum "Social Ocean") = se oggi il mercato li valuta 100, questi variegati e disparati Attivi, al fondo della crisi pluriennale in corso (in tempi diversi, nei vari mercati diretti ed indiretti degli Attivi e dei loro flussi di servizi, e nelle regioni-mondo) toccheranno circa ed IN MEDIA qualche valore sui 50. Es.: se il mio HK oggi valesse, poniamo, €2 milioni, generando al 4% un flusso di reddito potenziale di €80.000 annui e €40\ora, rimbalzerà in su solo quando cadrà (nel 2010-11?) ad 1 milione circa di floor, PAVIMENTO: la metà di adesso (€20\ora, nell'esempio numerico). Per poi risalire nelle aspettative del prossimo ciclo ESPANSIVO, qualche mese prima della svolta (non lo si sa per ora, ma per le diamiche recessive cumulative tuttora in pieno dispiegamento: difficile che tale svolta avvenga prima del 2011, e quindi possa essere anticipata dalle aspettative degli operatori prima della fine del 2010; sarebbe imprudente - sic stantibus rebus - introdurre nei propri scenari strategici meno di 18 mesi di Orso. Il che non esclude affatto i soliti brevi rally, come quello che ora si sta dispiegando ma ha il fiato corto, e nessun appoggio sui "fondamentali dinamico-evolutivi"). Ciò non toglie infatti che, come in ogni crisi e ristagno dei mercati finanziari, chi è astuto possa guadagnare un sacco pure in piena crisi, specie se: 1) ha delle buone intuizioni sui fondamentali resi quasi inudibili dal rumore di fondo (METODO KEYNES, come lui gestiva i risparmi di quasi tutto il Bloomsbury Circle), oppure 2) gioca bene (qualche volta rischia e perde, ma vince di più) sulle "speculazioni" a breve, i rally generali e le oscillazioni di singole imprese o settori. Io comunque non comprerei Unicredit "neanche regalata", finché non ci siano schiarite ad Est Europa. Oggi buona novella su quel FRONTE delicatissimo: dopo il Mexico, IMF ha fatto un intervento enorme, di ben $20bn SOLO ALLA CB POLACCA (per smorzare qualsiasi speculazione-paese), quasi pari ai $24,5bn che il consorzio guidato da WB aveva appena stanziatoi x TUTTI E 10 I PAESI CEE (Central-East Europa), da mesi in piena tempesta bancaria e valutaria - una spada di Damocle (vedi qui i post precedenti) su Austria, Svezia ed Italia (quest'ultima: SOLO per la irresponsabilità, sciocca concentrazionne o anti- diversficazione, ed avventurismo di Mr Profumo coi soldi degli altri. Ma il VA Unicredit Group è circa metà del PIL Italiano. A proposito del paradigma negativo Profumo, come Marchionne è quello positivo: A QUANDO LA RIVOLUZ. CULTURALE DEL MANAGEMENT? Quella descritta da Cella: "Comandare è meglio di fottere"?)
continua
Sfoglia giugno       
calendario
adv