.
Annunci online

Dispossessed cotton farmers, the "Okies," stuffed their possessions into dilapidated Model Ts and migrated to California in the false hope that the posters about plentiful jobs were true.
Il 2° subcrime è tutto pan-europeo e sarà un passaggio di Attila
post pubblicato in diario, il 7 marzo 2009


Svelato il Mistero di Scilla e Cariddi: perché non si fa il Ponte, e  non è solo colpa di Profumo.

ARIDATECE LA CASSA DI RISPARMIO DI VR-VI-BL-AN !!!!

1- TEMA. 


Erano partiti, i Grandi Banchieri Oligopolisti di Austria, Italia e Svezia in testa, alla conquista dei confini est dell'Impero Europeo. Si sono fatti concorrenza oligopolistica della peggior specie  a botte di credito facile: E  FU SUBCRIME-2, quello tutto pan-europeo. Effetto Frontiera Far East Europe.
Noi lo sapevamo da anni come andava a finire, sia all'Est che nelle Banche Vetero-Fordiste e Ribollite dell'Ovest (quelle che hanno legato a quel sasso che rotola  il loro Destino), e:
1) l'incoscienza di Mr. Profumo ci ha sempre fatto tanta tenerezza (una volta ho provato  anche a dirglielo, eravamo in Assindustria a Vicenza, ma lui non mi ha capito ed ha tirato dritto);
2) l'allegria con cui TUTTA l'Europa sta precipitando nel burrone, insieme sapendolo e senza  saperlo, è molto Pirandelliana. La Merkel sta per essere sbalzata di sella solo perché c'è la crisi (il VERO motivo per cui Mc Cain non ha fermato Obama) e si comporta di conseguenza (decidendo le cose  pro domo sua). Non c'è un solo uomo politico in tutta Europa, che pensi all'Europa. NON UNO SOLO: se ora affonda, ed era comunque inevitabile date le premesse, se lo merita.
Come facevamo a saperlo?  Elementare, Engels.  Da una traccia d'indagine nei racconti ironici  e divertiti di Marx, specie nelle corrispondenze con Engels sul Tribune (più vive dei suoi Ricardismi teorici, che spesso sbagliano premesse e conclusioni): di  volta in volta, Frontiere  alimentano i cicli espansivi. Ed il sistema  più instabile che fu mai creato, funambolizza così la sua lunga durata.

Come  poi riassumevano cosi i due Grandi Vecchi, ad uso operaio:
http://francodevin.ilcannocchiale.it/?id_blogdoc=2188749

2 - SINTESI


IL SUBCRIME-2 E' TUTTO E SOLO EUROPEO, DI DIMENSIONE SI INFERIORE A SUBCRIME-1, MA SUFFICIENTE PER EFFETTI TSUNAMI: UNA CARATASTROFE SI ABBATTE SU AUSTRIA E SVEZIA; NIENTE DA STAR ALLEGRI IN ITALIA:

         DOVE UNICREDIT E' GIA' OGGI UNA BANCA ZOMBIE.

LA LITE DI IERI AL CIPE? LA RISPOSTA E': NON CI SARA' NESSUN PONTE SULLO STRETTO, BEN POCHE INFRASTRUTTURE, TANTA MACELLERIA SOCIALE PER GIOVANI E PRECARI.
UNA CERTA QUOTA DEI 27 miliardi (9 ammortizzatori, 18 infrastrutture) serviranno INVECE a nazionalizzare UniCredit, e le altre banche che dovessero soccombere sia ad effetti- domino, che perdita di credibilità come sistema-paese, pubblico e privato. Gli errori, si pagano. Qui ne abbiamo una montagna (DI DEBITO SOVRANO), che risale alla Milano da bere di Craxi e la Venezia da cantierare dell'amico Gianni De Michelis degli anni '80. ADESSO SI PAGA  IL CONTO, a questo servono le crisi.

IL TIRO ALLA FUNE AL CIPE? UN EPISODIO NON MARGINALE, MA DECISIVO sulla governance del credito ri-nazionalizzato: chi controlla le risorse per nazionalizzare UniCredit, se dovesse succedere  un PATATRAC, che i mercati evidentemente scontano ogni giorno come più probabile, e tra pochi giorni inevitabile. IN UN'OTTICA: RIAPRITE GLI OMBRELLI CHE, COME DICE IL MINISTRO TREMONTI, C'E' ANCORA PIOGGIA RADIO-ATTIVA DALL'EST EUROPA. Cambia la fonte: non una centrale nucleare, ma implode  il credito facilone di UniCredit & C., i Concorrenti Oligopolisti di metà sistema bancario europeo occidentale. PRESO  NELLE SABBIE MOBILI dello sboom di quella bolla cartacea che loro stessi hanno alimentato:
a) tutte le informazioni in proposito: Dansk Bank Research
b) in questi giorni, le cancellerie europee ed i grandi gruppi sia finanziari che industriali  fibrillano nel discutere, tra i 2 vertici europei:
    - bailout o no (al'ovest le opinioni pubbliche certo non lo accetterebbero: rinuncio alla CIG per tappare  i buchi a Mr Profumo? NO, grazie!);
    - € all'est, se si chi e quando (lo si doveva fare prima, ma come? è SOLO chi è GIA' nell'€ che è protetto. MA I GENI DEI MIEI COLLEGHI UNIVR HANNO DATO .. L'HONORIS CAUSA A FAZIO,  dietro "suggerimento" DELLE BANCHE. Io li avevo avvertiti);
    - e chi resta con la miccia in mano (responsabili diretti: lo stato maggiore delle banche elencate da Dansk Bank Research). Ma si sa già che è troppo tardi persino per salvare dal DOMINO le situazioni meno deteriorate (Slovacchia, Rep. Ceca e Polonia), che da sole se la caverebbero benissimo, se non fossero "prese nel mucchio".



3 -SVOLGIMENTO



Erano partiti, i Grandi Banchieri Oligopolisti di Austria, Italia e Svezia in testa, alla conquista dei confini est dell'Impero Romano. Per realizzarla, si sono fatti tra loro concorrenza oligopolistica della specie più perversa, a botte di credito facile: SUBCRIME.  Non contenti, l'estate scorsa hanno ucciso le già moribonde (per mano loro) economie est-europee: i debiti in moneta locale, li hanno sostituiti tutti (così fan tutti) con debiti in €, cosi  L'INTERO SISTEMA ECONOMICO EST-EUROPEO E' DIVETATO INSOLVIBILE dans l'espace d'un matin, per svalutazione delle loro 10 monete deboli (già del 50%, e la svautazione regionale continua a burrone già imbucato, ogni giorno che passa, rendendo ora qualsiasi provvedimento tardivo: nel burrone ci stai cadendo, se hai lasciato a casa  il paracadute ...).
Se questi sono banchieri, io sono il Papa in persona o il suo Profeta.

L'ultimo avviso, in zona Cesarini l'ha dato il Presidente WB Zoellicker quando ha fatto nei giorni scorsi un salva-banche dell'Est di € 24,5 miliardi in due anni (con le 2 banche inter-europee), dicendo però A CHIARE LETTERE e col tono alto di voce (pareva incavolato): questa è la nostra parte, adesso devono fare la loro le banche dell'Ovest ed i governi  dell'UE.
1) Le banche dell'Ovest: se ritirano proprio ora liquidità portandola dalle filiali al centro, si scavano la fossa a se stesse, ed anche alle macro-economie dell'Est (la logica del gregge e dell'oligopolio miope è MICIDIALE, e la teoria dei giochi la formalizza in modo implacabile: beati noi da giovani che credevamo nei Piani del Capitale: magari ci fossero! Almeno questo sistema ribollito avrebbe qualche barlume di razionalità).
2) Unione Europa (io penso sia la ED, European Disunion) e governi, che hanno già detto domenica scorsa a Bruxelles: ognuno per sè. Chi sopravviverà godrà (delle bancarotte e default  sovrani degli altri). La Merkel è disposta a discutere (Trichet, no: sono curioso di sapere chi comanda) se accorciare i 2 anni di tunnel di entrata nell'€ per i soli 2 o 3  paesi sani, ma questo andava, ovviamente, deciso 2 anni fa. Anche ora, leggo sul Financial Times del 3 marzo, il min. delle finanze polacco, Jacek Rostowski, dopo aver cercato di rifilare la patata bollente ai taxpayer e gli è andata buca, afferma che entrerà nella procedura  ERM-2 entro giugno "if market conditions permit". Non lo consentiranno affatto: certo non alla Polonia. Bisogna vedere per Cechia e Slovacchia: gli Slovacchi vanno ora a far shopping in  Polonia, visto che la caduta del 50% delle monete  è differenziata.
Ora  il fronte si rovescia, ed è l'Attila Vendicatore del Subcrime-2 ad essere pronto (i suoi cavalli s'abbeverano sul Danubio) ad invadere l'Europa Occidentale, tagliare le teste dei Grandi Banchieri, e bivaccare a Piazza Affari  - che sente odor di cavalli unni; solo ieri, venerdi 6 è scesa di 4 punti % sotto la media europea: dico, c'è ancora chi si chiede il perché? Su che pianeta abita? E' tutta cattiva speculazione, o JP Morgan ce l'ha con l'Italia? NO: SONO FONDAMENTALI, che danno Piazza Affari sopravvalutata, sotto l'incombenza del duplice disposto delle onde secondarie di Subcrime-1 (e dello Tsunami in arrivo di Subcrime-2 (Onda Anomala che io vedo tutte le mattine all'alba, quando scatto queste foto).



IL FRACASSO ANNUNCIATO, BENEFICO (su questo, che la prossima scomparsa di Profumo dal mercato dei manager sia un fatto positivo, per una volta vanno a braccetto gli incompatibili, di solito: von Hayek, Marx, Minsky e pure Schumpeter; ed allora vanno presi sul serio ...)  E, SE NON OGGI, tra un paio di settimane  INEVITABILE.

FRACASSO di un oligopolio bancario iper-concentrato, che HA SBAGLIATO:
-  non solo i business plan a dati truccati, sia dei creditori che dei debitori (col solito trucco della Bolla Speculativa, nient'altro che una Piramide di Magdoff a scala macro: tutto l'immobiliare USA e la shadow finance che lo alimenta; adesso, nel Subcrime-2 pan-europeo: l'intera industria del credito non shadow, ma ufficiale del continente),
- una mancata indagine di "sistemi comparati" sulle economie di transizione (piccola distrazione dei Super Manager, troppo occupati  a vedersi l'Ego allo Specchio delle loro Brame),
- uno scenario macro-economico NON FORMULATO (come saprebbe fare egregiamente un ragioniere), prima delle strategie Cesaresche ai confini dell'Impero.
HA TOPPATO TUTTO QUESTO (l'oligopolio non miope, ma cieco dei manager alla Profumo, "comandare  è meglio che fottere", dal libro di un  manager  non fasullo come loro: PL Celli) MA ANCHE MOLTO DI PIU'.
Questi pirati somali del credito, il cui Paradigma è Profumo: hanno semplicemente sbagliato MILLENNIO; pensavano di vivere ancora nell'Era delle Iper-concentrazoni Inefficienti, più grande sei meglio è comunque, anche se  perdi  il contatto con  il terreno, il territorio, le radici, il lavoro, la fatica, il profitto equo,  i valori: tutto. Profumo  ha avuto  il coraggio (della disperazione) di ribadirlo, questo suo business model che lui battezza VERTICALE, poche settimane fa a Verona. Proprio contrapponendosi alla posizione economicamente e politicamente corretta sulla questione creditizia del nostro Sindaco, Tosi; e davanti ai Comitati territoriali, ossia gli stakeholder del modello opposto (che lui disprezza come  "orizzontale", dal'alto della montagna del suo fallimento trilionario): quello della Banca a dimensione ottima, non gonfiata da Bolle, e che sa fare bene il suo mestiere. Non fa venire da Roma a Verona, dopo aver espugnato CARIVR, scagnozzi incompetenti di fiducia, con contorno di  showgirls. Profumo, e ce lo rivela lui stesso nell'ingenuità della bolla del suo Ego: non ha nemmeno, ancora  capito dove, come e cosa ha sbagliato (TUTTO: mezzo ragioniere, lo capirebbe); ma si può? Mi chiedo cosa ci stia a fare li: il capitano che affonda con la nave?
Il capitano Achab non c'entra: è una figura di Ulisse, Giobbe e quindi Cristo (Simone Weil). Profumo, no:  è solo comicissimo, un banchiere alla Buster Keaton,  o fratelli Marx.
Io non lo avrei mai assunto, neanche come amministratore di condominio. Mi trasferiva l'amministrazione in una conglomerata a Varsavia.

E la battaglia intra-governativa di ieriche c'entra? E' che il DIVO GIULIO  Jr s’è perso il CTRL degli € per nazionalizzare Profumo di Banca prima dell'estate, quando potrebbero  fare default l'Austria ed  un tot di paesi dell'Est Europa,  e comunque, a BOLLA SUBCRIME PAN-EUROPEA SGONFIATA, si conteranno i cadaveri tra le Grandi Banche Oligopoliste di cui non avevamo nessun bisogno.

ARIDATECE LA CASSA DI RISPARMIO DI VR-VI-BL-AN !!!!

Non per nostalgia, ci è estranea: PURA legge del Valore economico.

IERI UN EPISODIO APPARENTEMENTE MARGINALE:
http://semidiceviprima.ilcannocchiale.it/2009/03/07/il_piccolo_cesarei_soldi_a_me.html
... una mattinata burrascosa, per il governo. Non tanto per i titoli dei giornali, quanto per un confronto tesissimo tra alcuni ministri e Tremonti durante una riunione informale che ha preceduto il Cipe. Dopo un braccio di ferro con Tremonti, il responsabile dello Sviluppo, Claudio Scajola, ha addirittura deciso di disertare il consiglio dei ministri post-Cipe. Lo scontro è avvenuto sulla quota nazionale dei fondi Fas (ndr. mi pare € 5 bn) da destinare al sostegno dell'economia, che i ministri ambivano a gestire direttamente.

MA UN EPISODIO DECISIVO (chi controlla le risorse per nazionalizzare UniCredit, se dovesse succedere  il PATATRAC, che i mercati evidentemente scontano ogni giorno come più probabile, e tra pochi giorni inevitabile) IN UN'OTTICA: RIAPRITE GLI OMBRELLI CHE, COME DICE IL MINISTRO TREMONTI, C'E' ANCORA PIOGGIA RADIO-ATTIVA DALL'EST EUROPA. Cambia la fonte: non una centrale nucleare, ma implode  il credito facilone di UniCredit & C., Concorrenti Oligopolisti di metà sistema bancario europeo occidentale, PRESO  NELLE SABBIE MOBILI dello sboom di quella bolla cartacea che loro stessi hanno alimentato:
a) tutte le informazioni in proposito: Dansk Bank Research
b) in questi giorni, le cancellerie europee ed i grandi gruppi sia finanziari che industriali  fibrillano nel discutere, tra i 2 vertici europei:
    - bailout o no (al'ovest le opinioni pubbliche certo non lo accetterebbero: rinuncio alla CIG per tappare  i buchi a Mr Profumo? NO, grazie!);
    - € all'est, se si chi e quando (lo si doveva fare prima, ma come? è SOLO chi è GIA' nell'€ che è protetto. MA I GENI DEI MIEI COLLEGHI UNIVR HANNO DATO .. L'HONORIS CAUSA A FAZIO,  dietro "suggerimento" DELLE BANCHE. Io li avevo avvertiti);
    - e chi resta con la miccia in mano (responsabili diretti: lo stato maggiore delle banche elencate da Dansk Bank Research). Ma si sa già che è troppo tardi persino per salvare dal DOMINO le situazioni meno deteriorate (Slovacchia, Rep. Ceca e Polonia), che da sole se la caverebbero, se non fossero "prese nel mucchio".

IL MIO COMMENTO
Caro Semidiceviprima,
chi ci ha rimesso le penne nello scontro di ieri  è chi ha fatto sinora la non-politica economica anticiclica, proprio nel 2° e forse decisivo, comunque importante anno della Grande Depressione. Sino a ieri, si e  no che Divo Giulio Jr informava il Cavaliere di quello che faceva. Anche ieri c'era IN CONFERENZA STAMPA una dissonanza evidente, perchè (checché cercasse di scaricarla sui giornali) Divo Giulio il giorno prima l'aveva messa giù proprio brutta e realistica: aveva incassato, accettandole, le stime delle ODIATE "Banca Draghi d'Italia" e "Corvindustria" sul -2,5%.
Ieri s'è perso una guerra, O Divo, non solo una  battaglia. La mia congettura e  madre di tutte le FAQ è: CHI nazionalizza le grandi banche italiane marce e decotte, nei prossimi mesi (Tsunami Est Europa, ormai pronto a fare il giusto repulisti  di questi baracconi accentratori ed iper-inefficenti, mostruosi ed espropriatori)?
Finora sembrava il  Divo Giulio, e lo vedevi già col bavagliolo sotto il colletto. Adesso Palazzo Chigi gli ha sottratto coltello e forchetta, avocandole a sè - ed ovviamente per ben altri interessi, tipo aver in mano i pacchetti di controllo dei giornali giusti, sin da subito ma anche quando (tra quanti  anni? L'ultima volta son stati 60, mi pare) le banche tornano private.
Quindi i fondi Fas ed il Ponte cantierabile, sono le UNICHE RISERVE, che sappia io, da cui stornare fondi per le nazionalizzazioni (certamente di UniCredit, per contagio e domino forse anche Intesa San Paolo). Lo accennavano anche ieri a “Focus Economia” di radio 24, lo storno prevedibile. Per questo, e  non per altro, non li si poteva dare ai Ministeri, ma o a Palazzo Chigi, o a via XX settembre. Ha vinto la prima.
Un caro saluto
efa
Sfoglia febbraio        aprile
calendario
adv